closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

I primi 25 miliardi del Recovery a Roma. Draghi: altre riforme

Come promesso, Bruxelles concede la prima tranche del Recovery. Il premier accontenta l’Europa: ora mano a concorrenza e fisco. Servono per spese già decise e l’inizio di tav, transizione, cybersecurity, scuole e ospedali

Il presidente del consiglio Mario Draghi

Il presidente del consiglio Mario Draghi

La commissione Europea mantiene la promessa e nei tempi previsti eroga i primi 24,9 miliardi all’Italia, come anticipo del 13% sui 191,5 miliardi dell’ammontare totale del Recovery per il nostro paese, fino al 2026. I 24,9 miliardi sono composti per 8,957 da aiuti a fondo perduto (pari al 13% dei 68,9 di sovvenzioni previste) e 15,937 di prestiti (il 13% di 122,6). I pagamenti del rimanente 87% affluiranno in base al completamento dei target fissati, arma di ricatto di Bruxelles. NEL TRIPUDIO GENERALE, Draghi si cautela promettendo subito all’Europa «la riforma della concorrenza e la delega per la riforma del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.