closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

I nuovi schiavi che ci servono angurie fresche

Il fatto della settimana. La storia di Ajit, giovane indiano che si spezza la schiena per 20 euro al giorno nell’Agro Pontino. Insieme a lui ogni mattina «lavorano» 2000 connazionali

Ogni cocomero arriva a pesare in media 20 kg ma se ne trovano anche di 30 e a volte di 40. Sono i frutti preferiti dell’estate e una buona parte della produzione proviene dall’Agro Pontino, a cento chilometri da Roma. A raccoglierli, ogni anno, migliaia di braccianti, spesso indiani. Tra loro anche Ajit Singh, nome di fantasia per tutelarne l’incolumità. Ajit ha appena 30 anni ma ne dimostra molti di più. È nato ad Amritsar, capitale religiosa dello Stato indiano del Punjab, e da circa otto anni vive e lavora nel Pontino come bracciante alle dipendenze di padroni italiani e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi