closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

I nemici della privacy e le app sanitarie bucate

Hacker's dictionary. Uno studio pubblicato dal British Medical Journal ha dimostrato che un quarto delle app medico sanitarie viola la privacy degli utenti

Ma davvero la tutela della privacy è un intoppo burocratico come dicono alcuni suoi detrattori? Eppure è considerato un diritto fondamentale dall’Unione Europea. Però i cantori del liberismo che affollano Twitter e giornali padronali in forme diverse hanno criticato le cautele del Garante Privacy nella valutazione delle app di Stato che trasferiscono all’estero i dati sanitari perché rappresenterebbe una inutile complicazione per l’Italia che deve ripartire. In realtà è vero il contrario, come dimostra uno studio australiano pubblicato dal British Medical Journal. Secondo lo studio, condotto su 20mila app per la gestione dei dati medico-sanitari, un quarto di essi viola...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.