closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

I luoghi non rituali della memoria

Draghi al Museo storico della Liberazione

Draghi al Museo storico della Liberazione

I luoghi della Resistenza parlano, esprimono una forza simbolica che rievoca fatti, contesti, persone azioni e «motivi della storia». E di rado come in questi anni di crisi pandemica le celebrazioni del 25 aprile hanno assunto di nuovo quell’immagine evocativa disegnata dall’orazione di Piero Calamandrei che nel 1955 invitava i giovani al pellegrinaggio sui luoghi della lotta partigiana per scoprirvi il senso della Costituzione repubblicana. La visita non rituale, nell’anniversario della Liberazione, del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel quartiere del Quadraro a Roma, rastrellato dai nazifascisti il 17 aprile del 1944 in quanto «nido di vespe» partigiano, colloca nella...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi