closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

I fronti aperti del M5S e le piazze delle sardine

La febbre è alta, e non accenna a calare. La temperatura è salita quando Di Maio, dopo l’Umbria, ha dichiarato il ritorno alle origini, al Movimento né di destra né di sinistra, equidistante e ago della bilancia, refrattario ad alleanze strutturali con il Pd. In tal modo il capo politico ha ridefinito - inconsapevolmente? - le coordinate fondamentali, aumentando la sensazione di precarietà dell’esecutivo, rendendo più immediatamente reale la prospettiva di una vittoria della destra nelle prossime scadenze regionali, persino aprendo scenari di possibile voto politico a breve. Un ambiente ostile per il governo e la sua maggioranza. Un fronte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.