closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

I dubbi dei grillini: «Affondare con Conte. O forse no»

Crisi. Alla vigilia delle consultazioni nel Movimento 5 stelle tornano le divisioni

Luigi Di Maio

Luigi Di Maio

Dietro l'apparente calma piatta di una giornata interlocutoria che finisce con un'assemblea congiunta che doveva essere serale e invece diventa notturna, il Movimento 5 Stelle sembra sempre più sull'orlo di una crisi di nervi. Ritornano le distinzioni tra governisti e ortodossi, compaino le diffidenze reciproche e riaffiorano i sospetti. Domina la paura che legarsi a Giuseppe Conte e imbrigliarsi alla formula della «maggioranza da allargare» significhi scivolare inesorabilmente verso il voto. E che la riunione congiunta di deputati e senatori già prevista per lunedì scorso slitti ulteriormente per lasciare spazio ai caminetti dei vertici non fa che peggiorare il clima...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi