closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

I cavalli di battaglia dei 5 Stelle alla prova del «contratto» di governo

Grandi opere. Dalla Tav in Val Susa al Mose di Venezia, dal Terzo valico ligure fino al Tap pugliese

Il cantiere Tav di Chiomonte

Il cantiere Tav di Chiomonte

«Dimostriamo che le grandi opere si possono realizzare». Con queste parole Virginia Raggi sabato scorso ha tagliato il nastro della stazione San Giovanni della Linea C della metropolitana di Roma. La sindaca ha annunciato il cambio di rotta dell’amministrazione capitolina targata Movimento 5 Stelle su quella che viene considerata la grande opera più corrotta della storia della repubblica. Quando era all’opposizione il M5S chiedeva che le talpe sotterranee fermassero i motori. Adesso si apprende che la linea della metropolitana proseguirà come da progetto iniziale fino al lato nordovest della città. Il presidente della commissione mobilità Enrico Stefàno, che solo qualche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi