closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

«I brevetti non ostacolino i vaccini anti Covid-19»

Ue. L'iniziativa dei cittadini europei: un milione di firme in un anno per spingere la Commissione a tutelare la salute di tutti. Tra i sostenitori Gino Strada (Emergency) e don Luigi Ciotti (Libera Gruppo Abele)

Garantire fruibilità e sicurezza di vaccini e farmaci anti Covid-19 anteponendo il benessere collettivo alla proprietà intellettuale delle industrie farmaceutiche. È l’obiettivo dell’iniziativa dei cittadini europei (Ice) «Diritto alla salute-Right2Cure» lanciata ieri con conferenze stampa simultanee in tutti i paesi membri. L’Ice è uno strumento introdotto nel diritto comunitario ad aprile 2012 che permette di proporre un atto legislativo concreto alla Commissione europea attraverso la raccolta di un milione di firme nei vari paesi. Il tempo a disposizione è di un anno, fino al 30/11/2021. «È la più grande iniziativa sul tema della salute a livello europeo», dice Vittorio Agnoletto,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi