closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Hiroshima e Nagasaki ferite aperte del mondo

6-8 agosto 1945. 70 anni fa gli Stati uniti sganciavano le prime, criminali, atomiche della storia dell’umanità. L’eccidio «necessario» per il presidente Truman: centinaia di migliaia le vittime. Oggi il governo Abe riarma, pronto alla guerra. La memoria è dei pacifisti in piazza

Bambini al memoriale di Hiroshima

Bambini al memoriale di Hiroshima

Un’ombra, impressa per sempre sulla pietra degli scalini d’ingresso della filiale locale della banca Sumitomo. È questo uno degli oggetti più rappresentativi dell’esposizione permanente del Museo del memoriale della Pace di Hiroshima, Giappone sudoccidentale, prima città su cui venne sganciata una bomba atomica nella storia dell’umanità, la memoria visibile di quanto accaduto negli ultimi giorni della guerra del Pacifico. Settant’anni. Tanti ne sono passati dal 6 agosto 1945. Il Little Boy, questo il soprannome dell’ordigno che distrusse gran parte della città facendo oltre 150 mila vittime, in maggioranza civili. Circa 80mila di loro furono uccisi sul colpo. Scomparvero in un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.