closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Hiroshi Shimizu, storie da un Giappone in movimento

Cinema. Alla Cinémathèque una retrospettiva dedicata al regista nipponico con tutti i suoi 51 film arrivati fino a noi

Una scena da «Arigato-san (Mr. Thank You)» di Hiroshi Shimizu

Una scena da «Arigato-san (Mr. Thank You)» di Hiroshi Shimizu

È in corso alla Cinémathèque Française di Parigi, dove si concluderà il prossimo 20 giugno, la più grande retrospettiva dedicata a Hiroshi Shimizu (1903-1966) mai organizzata fuori dell’arcipelago nipponico. Regista contemporaneo ed amico di Yasujiro Ozu con cui lavorò allo studio di produzione Shochiku, Shimizu rimane oggi, anche se alcune delle sue opere sono state rivalutate e riscoperte da un paio di decenni a questa parte, un autore la cui opera è ancora poco conosciuta, vista e discussa. La retrospettiva parigina presenterà al fortunato pubblico tutti i 51 i suoi film che sono rimasti ed arrivati fino a noi, purtroppo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi