closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Hamas respinge la proposta egiziana, Netanyahu rilancia la guerra

Gaza. Prima vittima israeliana del lancio di razzi palestinesi. Il movimento islamico ignorato dal Cairo sceglie la linea dura. Il governo israeliano pronto all'escalation

Si complica tutto. Sul terreno, sui tavoli della diplomazia. Il cessate il fuoco è solo un miraggio. Ieri pomeriggio dopo la tregua unilaterale attuata da Israele per qualche ora, seguita all’accettazione da parte del governo Netanyahu della proposta di tregua avanzata lunedì sera dall’Egitto, sono ripresi massicci i bombardamenti aerei su Gaza. In precedenza i palestinesi avevano lanciato una cinquantina di razzi, non solo Hamas ma anche il Jihad e i Comitati di Resistenza popolare. Droni e caccia F-16 hanno martellato la Striscia in più punti, polverizzando quattro palazzi. Le esplosioni hanno ucciso un anziano a Khan Yunis e un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi