closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Droni israeliani contro gli ospedali

Striscia . Bombardato un centro disabili. Da Israele l'ordine alla popolazione di diversi centri di Gaza di abbandonare le loro case. Oltre 130 il totale dei morti palestinesi in cinque giorni di offensiva aerea. In buona parte civili

Macerie di Gaza

Macerie di Gaza

Sheikh Radwan, Beit Lahiya, Jabaliya. Si allunga, giorno dopo giorno, l’elenco dei luoghi delle stragi. Ieri altri 30 palestinesi sono stati uccisi, 135 dall’inizio, cinque giorni fa, dell’offensiva aerea israeliana “Margine Protettivo”. Neppure il tempo di raccontare degli al Haj decimati l’altro giorno a Khan Yunis o dei Ghannam uccisi a Rafah, che nuovi raid aerei israeliani ci obbligano ad andare oltre, ad occuparci nel nuovo massacro. Nomi e vite diventano solo lettere che scorrono sullo schermo del computer prima di essere spinte in basso da continui aggiornamenti che negano il tempo per scrivere come si dovrebbe di uomini, donne...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi