closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Grillo insiste: «Stop contributi ai giornali». E i dissidenti eseguono

Stelle filanti. I 5 Stelle espulsi creano le componenti nei gruppi misti, altri preparano ricorsi legali

L'assassino ritorna sul luogo del (tentato) delitto. Ieri Beppe Grillo ha pubblicato un post sul suo blog dedicato al rapporto tra democrazia e informazione. «Se l’informazione ha come riferimenti i soggetti economici e non il cittadino, gli interessi delle multinazionali e dei gruppi di potere economico prevalgono sugli interessi del singolo», scrive Grillo. Propone, tra le altre cose, la creazione di reti pubbliche e di infrastrutture di reti finanziate da Cassa depositi e prestiti. Ma infila ancora una volta il tema dei contributi pubblici all'editoria, reclamando l'«eliminazione dei contributi pubblici per le testate giornalistiche nazionali» e «aiuti proporzionali per testate...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi