closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Governo, c’è il nuovo decreto. Ma nella Ue è guerra-mascherine

Codice rosso. I ministri approvano la spesa per 20mila operatori, in arrivo nuovi respiratori. Speranza ai colleghi europei: serve un coordinamento. Preoccupa l'eventualità di allargare la zona rossa. Brusaferro: siamo in fase di analisi., in Lombardia c’è un incremento in alcune aree più che in altre, stiamo valutando le misure da prendere. Le opposizioni all'attacco

Roma. La scalinata di Piazza di Spagna  semideserta

Roma. La scalinata di Piazza di Spagna semideserta

Le aree blindate nella regione motore d’Italia, la Lombardia, potrebbero aumentare. Lo fa capire il presidente dell’Istituto superiore della sanità Brusaferro: «Siamo in fase di analisi. In Lombardia c’è un incremento in alcune aree più che in altre». Il Comitato tecnico-scientifico sta analizzando il quadro, a partire naturalmente dalla provincia più a rischio, quella di Bergamo, ma la sola ipotesi di moltiplicare le zone rosse in Lombardia basta a rendere conto di una situazione la cui gravità non si attenua. L’EVENTUALITÀ è particolarmente preoccupante perché la strategia del contenimento seguita dal governo ha come obiettivo precisamente l’evitare che si creino...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.