closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Gli schiavi delle campagne pugliesi per 15 euro al giorno

Agricoltura. Stranieri, senza casa e senza diritti. Rapporto Choc della Cgil sul caporalato: irregolare il 50% delle aziende

Una terra di nessuno popolata da decine di migliaia di schiavi del nuovo millennio. Una zona grigia fatta di uomini e donne, che ogni notte all'alba sale su pullman e furgoni per andare a «lavorare» nelle campagne pugliesi per pochi euro, per garantire che la filiera agroalimentare italiana non subisca intoppi e proceda senza soluzione di continuità. Un mondo dove i diritti non sono stati sospesi: semplicemente non esistono. E dove la maggioranza, tra aziende agricole, proprietari terrieri, agenzie interinali e caporali bypassa le regole previste dalle leggi vigenti. È questo il quadro a tinte più che fosche che emerge...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi