closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Gli adolescenti sono sempre molto «indie»

Cinema. «Quel fantastico peggior anno della mia vita», esordio di Alfonso Gomez-Rejon, tratto dal romanzo omonimo di Jesse Andrew, premiato allo scorso Sundance Festival

La tua compagna Rachel ha la leucemia. Sua madre pensa che le farebbe bene se tu la frequentassi. Quindi per piacere chiamala e passate un po’ di tempo insieme». É con questa frase che, più o meno, comincia Quel fantastico  peggior anno della mia vita (titolo originale: Me Earl and the Dying Girl), leziosa versione indie del melodramma teen alla Colpa delle stelle, raccontata in voce fuori campo dal protagonista, Greg, un ragazzino timido e introverso costretto dalla mamma a telefonare a una compagna di scuola con i mesi contati. Cancro, cinefilia, esistenzialismo da liceo, gli ormai immancabili genitori hippie...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.