closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

La Confindustria tedesca: “Giù il muro delle 8 ore”

Germania. La Confindustria tedesca chiede l'innalzamento dell'orario di lavoro. Rivolta dei sindacati. Anche l’Spd si dice contraria ma il governo non chiude del tutto alle imprese

Manifestazione degli operai Opel

Manifestazione degli operai Opel

Se otto ore vi sembran poche: l’antico canto di lotta torna di attualità. Almeno in Germania, dove l’organizzazione dei datori di lavoro (Bundesvereinigung der deutschen Arbeitgeberverbände, Bda) ha chiesto al governo di abolire il limite di otto ore giornaliere previsto dalla legge che disciplina l’orario dei lavoratori dipendenti. Una norma-simbolo per la storia del movimento operaio e uno dei (non molti) argini rimasti al dominio assoluto delle «ragioni dell’impresa» sulla vita delle persone. «Per guadagnare più spazio di manovra e per rispondere meglio alle necessità aziendali, la legge sull’orario di lavoro dovrebbe prevedere un limite massimo settimanale al posto di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.