closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Giallo sulla patrimoniale, la Corte dei Conti dice sì, poi ci ripensa

Riforma del fisco. Scompiglio nella politica durante le consultazioni di Draghi, dopo la proposta di Grillo. Orfini (Pd): "Per molti resta un tabù, ma è una battaglia a cui non bisogna rinunciare". La Corte dei Conti: "E' necessaria un'armonizzazione delle imposte" . In particolare l'Irpef: «Redditi tra i 28 e i 55 mila euro sono troppo tassati, vanno rimodulati gli sgravi»

Dopo essere diventata uno degli oggetti della contesa per formare il nuovo governo Draghi, Grillo l’ha messa tra le richieste dei 5 Stelle insieme al «reddito universale», ieri la patrimoniale è stata chiesta dal presidente della Corte dei Conti Guido Carlino in audizione alla commissione finanza alla Camera nell'ambito della riforma dell'Irpef. Per Carlino un simile intervento fiscale «appare auspicabile». Se la politica decidesse in questo senso servirebbe «una valutazione preliminare, riguardo alla caratteristica del prelievo, che da reale potrebbe essere trasformato in personale, considerando le forme di patrimonio e eventualmente la base familiare anziché individuale». Il rischio potrebbe essere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi