closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Ghana, il jazz è cosmopolita

Pagine/Il rapporto musicale tra Africa e Stati Uniti in un saggio dell’antropologo Steven Feld. L’autore sarà impegnato in questi giorni in una serie di conferenze nel nostro paese. Nel nome di John Coltrane

Nii Otoo Annan (foto S. Feld)

Nii Otoo Annan (foto S. Feld)

La storia del rapporto musicale tra Africa e America è un biglietto di andata e ritorno con continue inversioni di marcia. Negli anni Novanta il ritorno del blues alle radici africane ha portato a folate modaiole come quella che ha rivelato il maliano Ali Farka Touré, una sorta di gemello stilistico (lontano migliaia di chilometri) di John Lee Hooker, nello stesso periodo in cui questi tornava ottantenne a mietere Grammy. Mississippi Blues (1984) di Bertrand Tavernier aveva già esplorato i luoghi del blues fino a risalire al suono ancestrale di fiffaro e percussioni (fife and drum). Una musica che sarebbe...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.