closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gerusalemme e Gaza in attesa della rappresaglia israeliana

Palestina. Rinviato il funerale del giovane Mohammed per timore di scontri. Il governo si riunisce per la quarta volta, fumata bianca sulla reazione israeliana

Manifestanti palestinesi

Manifestanti palestinesi

Un dolore straziante, quello della famiglia Abu Khdeir, che si amplifica di ora in ora. Il corpo del giovane Mohammed, rapito e brutalmente ucciso martedì da un gruppo di coloni come rappresaglia per la morte dei tre adolescenti israeliani, non è ancora tornato a casa. Il funerale era previsto per ieri mattina, ma non si è tenuto per il ritardo nella consegna del corpo da parte delle autorità israeliane, che hanno giustificato il rinvio con il timore di altri scontri durante le esequie. Il campo profughi di Shuafat, ancora attraversato dallo choc di una morte incomprensibile (a cui i più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi