closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Germaine Acogny e Oona Doherty, una passione oltre i confini e le generazioni

Biennale di Venezia. Il direttore artistico Wayne McGregor assegna il Leone d'Oro per la danza alla coreografa franco-senegalese e il Leone d'Argento alla giovane nord-irlandese Oona Doherty

Germaine Acogny

Germaine Acogny

Saranno due donne a ricevere quest’anno i Leoni per la Danza della Biennale di Venezia. Nel primo anno di direzione artistica del Dipartimento Danza, il coreografo britannico Wayne McGregor, classe 1970, tra i maggiori autori del panorama mondiale di oggi, ha puntato sulla franco-senegalese Germaine Acogny, madre della danza contemporanea africana, e sulla giovane nord-irlandese Oona Doherty. ACOGNY, classe 1944, riceverà al Festival il Leone d’Oro alla carriera. Artista formidabile, grande pedagoga oltre che danzatrice e coreografa, Germaine Acogny è il nome cardine del Mudra Afrique di Dakar, la famosa scuola fondata nel 1977 dal padre del balletto moderno, Maurice...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi