closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gaza trasformata in cimitero piange uno dei suoi «angeli»

Gaza. Razan al Najjar, in prima fila per medicare i feriti, ammazzata da un cecchino israeliano

Fuori dall’ospedale di Khan Yunis, paramedici palestinesi piangono la morte di Razan al-Najjar

Fuori dall’ospedale di Khan Yunis, paramedici palestinesi piangono la morte di Razan al-Najjar

«Subiamo attacchi continui da parte delle forze israeliane. Il mondo deve intervenire, non facciamo nulla di male, curiamo le persone ferite». Così scriveva qualche giorno fa sui social Razan al Najjar, 21 anni, denunciando il fuoco dei tiratori scelti sul personale sanitario (e i giornalisti) durante i venerdì della Grande Marcia del Ritorno. Il pericolo non l’aveva mai spinta a rimanere indietro. Razan per 10 settimane è stata in prima linea per dare i primi soccorsi ai feriti, indossando il suo camice bianco e il giubbotto dei paramedici. «IL COMPITO DI SOCCORRERE i feriti non è solo degli uomini, anche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.