closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Alias Domenica

Freeman’s dedicato agli autori californiani

Riviste. Da Black Coffee, il nuovo numero del periodico americano diretta da John Freeman

Jean-Michel Basquiat, «Obnouxious Liberals», 1982

Jean-Michel Basquiat, «Obnouxious Liberals», 1982

Già nel 1966, quando i Mamas and Papas cantavano California Dreamin’ immaginando in un giorno di pioggia come sarebbe stato bello essere al caldo di Los Angeles, il mito della California come terra promessa aveva cominciato a generare i suoi seguaci. Sul versante letterario, John Freeman ha preso atto delle eccellenze che la popolano e la cui scoperta è relativamente recente, dedicando dunque agli scrittori californiani l’ultimo numero della rivista Freeman’s (Black Coffe, pp. 231, € 14,00).

Attraverso una varietà di forme che va dalla poesia all’autofiction, passando per il reportage giornalistico e il racconto epistolare, gli autori raccolti filtrano attraverso i loro racconti il territorio che «detiene dal punto di vista agricolo, il primato nazionale», lo stesso che è stato il più funestato da grandi incendi. Lo Stato divenuto simbolo delle lotte per i diritti relativi alla propria identità sessuale, tra le sedi più famose della controcultura tra gli anni Sessanta e Settanta, si è tramutato nel frattempo nella «favola tecnologica che tutti conosciamo»: a proposito della Silicon Valley, Jennifer Egan scrive: «A ripensarci mi chiedo se quel fervore che percepivo non fosse l’eco del ruggito della tecnologia, che stava prendendo rapidamente piede».

La California non è solo il regno di tramonti impareggiabili: («Forse ho sbagliato a dire a quello studente di tagliare la luce dorata dal suo romanzo. Aveva ragione – scrive Yiyun Li – In California c’è davvero, ed è poetica») è divenuta anche un paradiso ultraborghese recintato a Sud dal muro di Trump, dove la povertà non può mostrarsi e si rafforza la discriminazione. Come scrive Lauren Markham, la California «è una recita», una leggenda da cui si sono espunte le pagine nere che raccontano come il mito del benessere e del privilegio, costruito dai primi coloni, affondi nelle loro violenze.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna