closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Frane identitarie nell’Angola che rinasce

Narrativa postcoloniale. Nella cornice desolata della guerra civile, «Teoria generale dell’oblio», tradotto da Neri Pozza, è ispirato a una storia vera, dalla quale si affretta a emanciparsi. Intorno, un fitto intrico di «dimenticati»

Nel 1975, dopo quattordici anni di lotte e guerriglia, l’Angola, con il Mozambico e la Guinea portoghese, ottenne l’indipendenza dal Portogallo. Subito, però, ebbe inizio la guerra civile angolana che, con l’intervento più o meno diretto di Stati Uniti, Unione Sovietica, Cuba e Sud Africa, si sarebbe protratta fino al 2002. È questa la cornice storica entro la quale si svolge Teoria generale dell’oblio (traduzione di Romana Petri, Neri Pozza, pp. 219, euro  16,50) dell’angolano José Eduardo Agualusa, una delle voci più importanti, prolifiche e note del suo paese. Poco prima del ‘75, Ludo, la protagonista del romanzo, portoghese di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.