closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Fondali libanesi di una guerra non raccontabile

Specchi rotti. Dal nazionalismo alla lotta di classe dal fondamentalismo religioso cristiano a quello musulmano: trasformazioni storiche e politiche proiettate nell’animo dei personaggi

Beirut, 1991

Beirut, 1991

Il film comincerebbe dal momento in cui (il protagonista) torna e poi procederebbe per flash back raccontando i suoi ricordi confusi dell’omicidio all’Università americana e della guerra, peraltro irraccontabile»: questo il progetto proposto al regista Maroun Baghdadi nel corso del libro di Elias Khoury Specchi rotti (traduzione di Elisabetta Bartuli, Feltrinelli, pp. 428, euro 20,00), un progetto mai realizzato in forma filmica, che è lo spunto alla base del romanzo stesso. Nella vita reale, il romanziere libanese ha avuto modo di collaborare con il suo conterraneo cineasta in occasione della sceneggiatura del film La vita sospesa (Hors-la-vie), premiato a Cannes nel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi