closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Foibe-Shoah, «laboratorio» per l’annullamento della storia

Intorno al negazionismo. Cosa realmente si nasconde dietro l'equazione antitotalitaria e al processo degenerativo del dibattito pubblico sul passato

Una installazione di Rune Guneriussen

Una installazione di Rune Guneriussen

I senatori dell’estrema destra hanno presentato un disegno di legge che chiede di ricomprendere chiunque non si adegui alle vulgate e alla propaganda sulle foibe nell’articolo del codice penale (604 bis) che punisce i negazionisti della Shoah. Si giunge così all’ultimo stadio di un processo degenerativo del dibattito pubblico sul passato che oggi propone l’equiparazione antistorica attraverso l’applicazione del dispositivo penale. IN ORIGINE FU L’ISTITUZIONE del giorno del ricordo nel 2004, promossa dall’estrema destra post-missina e approvata con voto bipartisan a eccezione della sinistra radicale, che dichiarò il 10 febbraio giornata in memoria delle vittime delle foibe nonostante quella data...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi