closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Fluida Wolf, il desiderio sovverte i codici e rivendica un sesso non binario

Femminismi. «Post Porno», il superamento delle manipolazioni dell’immaginario erotico secondo Valentine (aka Fluida Wolf)

Ecosexual Performance, Annie Sprinkle e Beth Stephens, SF Moma, 2013.

Ecosexual Performance, Annie Sprinkle e Beth Stephens, SF Moma, 2013.

Esiste un modo di rivolgersi a una moltitudine mista che comprende anche persone non binarie? Secondo Valentine aka Fluida Wolf, autrice di Post Porno Corpi liberi di sperimentare per sovvertire gli immaginari sessuali (Eris Edizioni, pp. 68, euro 6) la soluzione esiste e viene esposta in una chiosa all’inizio del saggio: «In questo libro si è scelto di non usare il maschile generalizzato previsto dalla norma grammaticale italiana in quanto espressione di un uso sessista della lingua. L’uso dell’asterisco al posto del suffisso finale di una parola permette di superare la dicotomia di genere femminile/maschile e usare una forma neutra, in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi