closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Fibrillazioni sul decreto del “fare”. Passa, ma con batoste sul governo

Senato. Esecutivo battuto sulla selezione dei giudici. Pdl anti-fisco: il partito di Berlusconi aveva proposto di innalzare i pagamenti in denaro cash da mille a 3 mila euro. Sconfitto

Le fibrillazioni cui è sottoposto in questi giorni il governo si sono viste ieri al Senato, dove il decreto del fare ha avuto vita piuttosto dura: ma alla fine è passato, per quanto l’esecutivo abbia segnato qualche sconfitta sul versante degli emendamenti. Il provvedimento (che già dal titolo è tutto un programma) è stato approvato con 190 voti favorevoli, 67 contrari e un astenuto. Ora torna alla Camera per la terza lettura e l’approvazione definitiva. Hanno votato contro il M5S, Sel e la Lega. Durante il voto il governo è stato battuto sull’emendamento che sopprime le nuove regole per l’accesso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi