closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Fiat “ottimizza” le tasse. Inchiesta di Bruxelles

Pratiche fiscali aggressive. Con Fiat Trade, indagate anche Apple e Starbuck, per aver ottenuto sconti di tasse in Lussemburgo, Irlanda e Olanda. La Commissione sospetta degli accordi che potrebbero venir qualificati come "aiuti di stato". Un angolo di attacco per limitare la fuga dalle imposte, poiché l'armonizzazione fiscale nella Ue non esiste e ogni decisione in questo campo richiede l'unanimità a 28.

Fiat risparmia su vari fronti, non solo tira sul salario limitando l’aumento a 15 euro lordi, ma cerca in tutti i modi di pagare meno tasse. E non si limita soltanto a scegliere il paese più favorevole come sede fiscale – senza andare troppo lontano, non c’è bisogno di isole esotiche per trovare paradisi fiscali che esistono anche all’interno della Ue - ma negozia un ulteriore sconto con le autorità del posto. E’ su questo angolo di attacco che la Commissione europea ha aperto ieri un’inchiesta su tre paesi – Irlanda, Olanda e Lussemburgo (quest’ultimo colpito anche da una procedura...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi