closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Fed e Bce, leader della nuova contesa

Politiche monetarie. Le due banche centrali si muovono in direzioni opposte e il sorpasso della Cina mostra la funzionalità dell’intervento statale nel capitalismo moderno

Monumento dell'euro a Bruxelles

Monumento dell'euro a Bruxelles

I mercati finanziari si aspettavano di più dalla Bce. Hanno avuto di meno e quindi si sono "irritati", come bambini troppo viziati. Ma non hanno avuto poco. E’ vero, il volume complessivo del valore monetario dell’acquisto di titoli di stato non cambia, resta fermo a 60 miliardi di euro al mese; ma si allarga la fascia delle tipologie dei titoli acquistabili. I tassi già negativi del deposito di denaro presso la Bce scendono ulteriormente, ma solo di uno 0,1 in meno. Il prolungamento dell’acquisto dei titoli c’è, ma dura sei mesi e non l’anno intero, almeno per ora. Insomma Draghi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi