closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Ernaux, quanti anni al confine con le rughe

Narrativa francese. Una delle prime tappe della scrittrice, che riordina feticci della memoria in forma di diari, foto, ritagli, facendoli funzionare da sineddoche di valori collettivi: «La donna gelata», da l’Orma

Annette Messager, «Les Gants Grimaces», 1999

Annette Messager, «Les Gants Grimaces», 1999

Pochi fili, ma saldi, intrecciano l’opera di Annie Ernaux, a partire dalla proiezione del proprio Io sulla scrittura, sottomessa a un tempo testardamente ripercorso, ordinato, trattato. Un’estesa sintesi di questa strategia compositiva è leggibile in Écrire la vie (Gallimard 2011, non ancora tradotto), mille pagine che raccolgono testi autonomi e riorganizzati seguendo non l’anno della pubblicazione bensì il succedersi dei propri oggetti di interesse, sempre concentrati su angolazioni strette della vita privata. Condotto (com’è ovvio) in prima persona e per lo più secondo un procedimento lineare, il racconto di Ernaux è traversato da alcune prolessi che rimandano alla fuga in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi