closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Eric Revis, l’impronta del contrabbasso

Note sparse. L'artista californiano nel nuovo disco pratica un jazz che riesce a staccare le ali dalla terra

Eric Revis

Eric Revis

Earl & The Three-Fifths Compromise con quella sua melodia di velluto puro, quell’atmosfera notturna, quell’incedere sinuoso e seducente potrebbe benissimo essere stata scritta da Charles Mingus. Sarà perché Eric Revis come Mingus suona il contrabbasso ed è californiano; in ogni caso Revis firma con Slipknots Through a Looking Glass un disco eccellente, di quelli che fanno dimenticare le estenuate prolissità neo-fusion o le smargiassate di tanti jazzisti palestrati. Il cinquantatreenne contrabbassista schiera in questo lavoro un quintetto di stelle e la prima cosa che balza all’orecchio è la personalità di tutti. Ognuno ha un suono e un fraseggio originale e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi