closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Equo accesso ai vaccini, il grande assente al summit sulla Salute

Venerdì a Roma. Contro il vertice del G20, con Oms, Fmi e Wto, che difficilmente produrrà iniziative incisive, scende in campo un’ampia coalizione per chiedere diritto alla cura, sospensione dei brevetti e una sanità più giusta per pazienti e operatori

Protesta contro i brevetti a Bloomington (Indiana, Usa) davanti alla sede di Catalent

Protesta contro i brevetti a Bloomington (Indiana, Usa) davanti alla sede di Catalent

Quando un anno fa si decise che il Summit Globale della Salute del G20 si sarebbe tenuto in Italia, in molti fecero a gara per ospitarlo. La Lombardia ancora convalescente dal coronavirus tentò persino di soffiare a Roma quella che sembrava una vetrina internazionale capace di attirare a sé gli occhi del mondo. Ora che ci siamo, la portata e le ambizioni del summit appaiono parecchio ridimensionate. I grandi della Terra, complici le norme anti-Covid, ci saranno solo in video-conferenza. La presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen e il premier italiano Mario Draghi, presidente di turno del G20,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi