closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Emmy Hennings, vivo nel forse

Maestri in ombra / Speciale estate . Dadaismo zurighese. Nel 1916 fonda con Hugo Ball, suo compagno, il Cabaret Voltaire. Ne è l’anima femminile, rimossa

Emmy Hennings in una foto di anonimo, ca. 1910-’13

Emmy Hennings in una foto di anonimo, ca. 1910-’13

Ho dimenticato il mio nome, e il mio volto». Si chiamava Emmy Hennings o Ball-Hennings (1885-1948), nata Emma Maria Cordsen, ed era una poetessa, scrittrice e performer. Incidentalmente, Emmy è stata la «stella» del Cabaret Voltaire, una stella che però ha brillato a lungo di luce riflessa, emarginata dalla narrazione patriarcale come attricetta demi-monde che si riscatta grazie all’amore per un uomo di genio, Hugo Ball, e quindi si realizza come vedova devota al culto del defunto marito. Certo, lei ha fatto poco per riscuotere la gloria che le sarebbe spettata e anzi ha preferito defilarsi, lasciando che fossero altri...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.