closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Embraco, la «vertenza scempio» finirà a gennaio

Risorse umane. Beffa finale dei 7mila euro a operaio. Il 23 scade la cig, società fallita, inchiesta penale per bancarotta e nessun futuro

Per 377 operai Embraco di Riva di Chieri sarà un natale triste e disperato. La loro vertenza partita nel 2017 con l’allora ministro Carlo Calenda che prometteva di salvarli facendoci campagna elettorale sopra sta terminando nel peggiore dei modi: un’inchiesta per bancarotta per la mancata reindustrializzazione Ventures, il fallimento dichiarato dalla curatela e la fine della cassa integrazione prevista per il 23 gennaio. Ieri al Mise una trentina di indomiti lavoratori sono scesi da Torino per protestare per l’ennesima volta con «le prese in giro della politica e di quattro governi di fila». Senza che neanche un sottosegretario si degnasse...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.