closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Egitto e Arabia saudita divorziano sulla Siria

Medio Oriente. Riyadh non trattiene la rabbia per il voto favorevole del Cairo al progetto di risoluzione, poi bocciato, della Russia sulla crisi siriana. Al Sisi prende le distanze dai sauditi e stringe i rapporti con Mosca

Il presidente egiziano al Sisi e il re saudita Salman

Il presidente egiziano al Sisi e il re saudita Salman

«La prima critica ufficiale dei sauditi all'Egitto». Con questo titolo lunedì il quotidiano egiziano al Shorouq ha riferito la fine della luna di miele tra il Cairo e Riyadh, a seguito di un infuocato fine settimana alle Nazioni Unite segnato da veti incrociati sulla guerra in Siria. A far emergere la crisi matrimoniale è stato l'ambasciatore saudita all'Onu Abdallah al Mouallimi. «È stato doloroso vedere che sulla Siria le posizioni del Senegal e della Malesia sono più vicine al consenso arabo (la linea saudita, ndr) rispetto a quelle di un rappresentante arabo», ha commentato il diplomatico riferendosi ai voti favorevoli...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi