closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Draghi e la scuola-impresa. E dopo un anno di Dad lezioni in estate e doppi turni

Il commissario. Le prime linee programmatiche sulla scuola del nuovo governo esposte dal presidente incaricato Mario Draghi: 1,5 miliardi di euro per la formazione professionalizzante sul modello tedesco. E, dopo un anno di Didattica a distanza, e la gestione disastrosa del governo Conte-Regioni lezioni di recupero in estate e doppi turni. Ma i problemi strutturali della scuola, a cominciare dal record precariato, restano tutti

Il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi

Il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi

Se i banchi a rotelle sono stati il simbolo dell’istruzione gestita dal governo Conte-Azzolina, i condizionatori d’aria potrebbero diventare il tormentone (estivo) dei successori Draghi-Bianchi. Nel discorso per ottenere la fiducia dalle camere il presidente incaricato Mario Draghi ieri ha confermato di volere i doppi turni al pomeriggio e allungare le lezioni in estate, anche se non ha precisato se vuole mandare gli studenti in classe a luglio o ad agosto. Il problema dovrebbe riguardare in particolare quelli meridionali che hanno sofferto di più la didattica a distanza rispetto ai coetanei di altre regioni. Le «diseguaglianze» di cui ha parlato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi