closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Dopo l’uccisione di due israeliani altre 840 case per i coloni

Saranno costruite altre 840 case nell’insediamento coloniale di Ariel, nella Cisgiordania occupata. Lo ha annunciato ieri il premier israeliano Benyamin Netanyahu spiegando la decisione come una risposta all’attacco compiuto domenica da un palestinese in cui sono rimasti uccisi un soldato, Gal Keidan, e un rabbino colono Achiad Ettinger. Un altro militare è stato ferito. L’esercito israeliano ha avviato rastrellamenti in alcuni villaggi palestinesi della zona allo scopo di catturare l’autore dell’attacco, Omar Abu Leila, un 18enne di Zawiya. Suo padre, suo fratello e alcuni parenti sono stati arrestati.

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.