closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Dopo la legge anti-Bds arriva l’anti-Muezzin Bill

Israele. La Knesset ha approvato ieri in prima lettura, tra le proteste accese dei deputati arabi, una bozza di legge che nel suo testo definitivo dovrebbe portare allo spegnimento degli altoparlanti delle moschee

In Terra Santa il muezzin chiama alla preghiera i musulmani cinque volte al giorno dal 637, quando il patriarca greco-ortodosso Sophronius firmò l'accordo con il califfo Omar che sancì il controllo islamico su questa regione. Nel 2017 dovrà farlo a voce bassa, tra le 23 e le 7 del mattino. O forse sempre. Dipenderà dall'approvazione del testo definitivo del disegno di legge votato ieri in prima lettura dalla Knesset. Dopo 1.400 anni qualcuno ha deciso di risolvere il problema dell'inquinamento acustico "provocato" dalle moschee. La gente ha il diritto di dormire, hanno spiegato i deputati promotori del provvedimento, riferendo della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.