closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Dopo il 25 marzo, foglio di via dalla città dove studia

Sicuritarismo. Dopo i cortei di sinistra di sabato 25 marzo a Roma. Espulsi dalla Capitale perché in possesso di fumogeni e felpe nere con cappuccio. Marco, studente abruzzese a Roma tre, non aveva alcun fumogeno. Tredici persone colpite da misure restrittive a quasi un anno di distanza da un corteo antifascista dell'anno scorso

Roma, 25 marzo 2017, dal corteo

Roma, 25 marzo 2017, dal corteo "La nostra Europa/Europeforall", Piazza Vittorio

Il colossale dispiegamento di forze schierato dal Viminale guidato da Marco Minniti (Pd) nelle piazze romane anti-austerity di sinistra sabato 25 marzo ha sospeso il diritto di manifestare per oltre 120 persone, trattenute in un centro di identificazione a Tor Cervara, imposto il controllo di 2 mila persone e 30 fogli di via dalla Capitale. Misure adottate in base al rovesciamento di uno dei principi dello stato di diritto: la presunzione di innocenza si è trasformata in presunzione di colpevolezza in base all’allarme psicopolitico diffuso sui media su «scontri» che regolarmente non ci sono stati e sul possesso di oggetti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi