closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Dopo gli attentati Giacarta è pronta a dare «pieni poteri» all’antiterrorismo

Indonesia. Un migliaio di indonesiani erano in Siria quando a Raqqa governava il Califfo

Poliziotti indonesiani a Surabaya dopo l’attentato suicida

Poliziotti indonesiani a Surabaya dopo l’attentato suicida

Dopo che per due giorni Surabaya, la seconda città dell’Indonesia, è stata macchiata da una tragica scia di sangue, montano le pressioni sul parlamento di Giacarta perché voti una legge ad hoc - già sottoposta dall’esecutivo nel febbraio 2016 - che garantisca pieni poteri all’antiterrorismo. TUTTO COMINCIA DOMENICA, quando un’intera famiglia - genitori e figli anche minorenni - scelgono tre chiese cristiane - cattoliche e protestanti - per farsi saltare all’ora della messa. Il giorno dopo altri kamikaze scelgono invece il quartiere generale della polizia. Fa da cornice un’esplosione in una casa privata che segna il fallimento di un attentato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi