closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Don Gallo, la sua rivoluzione vive

Andrea Gallo con Dario Fo

Andrea Gallo con Dario Fo

Il pensiero di don Andrea Gallo mi suscita la voglia irrefrenabile di gridare: «il Gallo vive!», ho l’impulso di brandire una bomboletta di vernice e di fare con questo slogan un graffito su ogni muro delle nostre città, come un tempo facemmo per Ernesto Che Guevara. All’annuncio che il comandante era stato assassinato a sangue freddo da un ufficiale dell'esercito boliviano. Ma il Gallo non vive e la sua mancanza si sente terribilmente, si avverte, perché il degrado della vita politica ha avuto un'impennata esponenziale, diventa una voragine al pensiero che è salito al potere della prima potenza mondiale un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi