closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Django», il genio di Reinhardt apre la Berlinale

Cinema. Il 9 febbraio la biopic sul grande musicista scelta per inaugurare la 66 esima edizione. Da Rotterdam il 25 gennaio parte la stagione dei festival europei

Sarà la storia del musicista swing Django Reinhardt ad aprire, il 9 febbraio la 66esima edizione della Berlinale. Django (che sarà in concorso) è il debutto alla regia del produttore e sceneggiatore francese Etienne Comar, e verrà interpretato da Reda Kateb. La vita del chitarrista e compositore sinti, a cui già era ispirato Accordi e disaccordi di Woody Allen con Sean Penn, verrà raccontata durante la persecuzione nazista in Francia. «Django Reinhardt è stato uno dei più brillanti pionieri del jazz europeo – scrive il direttore del Festival di Berlino Dieter Kosslick – e il padre del Gypsy Swing. Django...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi