closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Denaro facile, il rischio di una nuova bolla finanziaria

Mario Draghi

Mario Draghi

Osannato come salvatore dell’euro, applaudito a più riprese da quasi tutti i media, il presidente della Bce ha ancora una volta prolungato il periodo di immissione di liquidità nel sistema creditizio europeo ed abbassato il tasso d’interesse (che era già negativo!) per le banche che lasciano i loro denari presso la Bce. In altre parole, Draghi continuerà ad acquistare titoli pubblici, per un valore di 60 miliardi al mese, ed immettere questa liquidità nella circolazione monetaria europea fino al marzo del 2017. Obiettivo dichiarato: far riprendere la crescita e portare l’inflazione ad un tasso ottimale del 2%. Come ha fatto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi