closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Daney, ritorno alla critica

Convegno. Estratto dalla relazione introduttiva al convegno "Daney, le virtù della critica”, Università della Calabria 21-22 maggio 2018

Serge Daney

Serge Daney

Non si scrive se non di ciò che si desidera. E non si può desiderare se non ciò che assume i tratti limitati e contingenti della forma. Il cinema limita con l’inquadratura, e si apre alla contingenza del reale attraverso la “registrazione”: un grande film non può eludere questo doppio passo. E Serge Daney è stato l’ultimo grande critico cinematografico, la cui scrittura si è misurata con quel desiderio, che implica allo stesso tempo un’estetica ed un’etica: “Il cinema non è immagini ma inquadrature” – scrive riprendendo Rohmer – , e ancora “La verità del cinema è la registrazione, che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.