closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Dal separatismo al jihadismo, in Siria l’unione tra ceceni e Isis

Sotto l'ala del Califfo. Sono centinaia i miliziani caucasici tra Idlib e Aleppo in appoggio ad al Qaeda e Daesh

Il primo cacciabombardiere russo di ritorno dalla Siria

Il primo cacciabombardiere russo di ritorno dalla Siria

Non era stata ancora accertata ieri sera la responsabilità dell’esplosione che ha fatto almeno dieci morti e decine di feriti nella metro di San Pietroburgo. Sulla matrice terroristica la procura russa non ha dubbi ma sulla provenienza degli attentatori regna l’incertezza. La pista privilegiata è quella di un attentato compiuto da un gruppo ceceno. Si affaccia però anche l’ipotesi di un attacco compiuto dall’Isis, alla luce dell’intervento militare di Mosca in Siria in appoggio al presidente Bashar Assad e contro il "califfato" e i qaedisti di an Nusra (ora noti come Hay’at Tahrir a Sham). La Federazione russa è stata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi