closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Da Washington a Kabul, l’umanità in una canzone

Fstival dei Popoli. Nel concorso internazionale «A Dog Called Money» di Seamus Murphy e «Mon cousin anglais» di Karim Sayad

Il Regno Unito è appena stato spaccato a metà dalla Brexit, nel giro di pochi anni l’Algeria viene travolta dalle manifestazioni di piazza contro il presidente Bouteflika, ma per Fahed questo è quasi solo rumore di fondo: il suo tormento è l’esilio, una parola che ritorna frequentemente nelle conversazioni fra algerini per descrivere quelli che hanno lasciato il Paese, il sogno di tanti ma poi anche, spesso, la loro croce. Fahed è uno di quelli che «ce l’ha fatta», vive in Inghilterra - a Grimsby - dal 2000, i suoi documenti sono in regola a differenza di quelli di tanti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.