closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Da Mario Luzi, la Via Crucis del teatro silente e chiuso

Il progetto. Un poemetto dell'autore toscano diventa ora lavoro multimediale con Moni Ovadia e Michele Placido

Moni Ovadia e Michele Placido, Teatro comunale di Ferrara

Moni Ovadia e Michele Placido, Teatro comunale di Ferrara

Mario Luzi fu una delle espressioni più alte dell'ermetismo che riporta incessantemente a Montale. In lui è costante la ricerca di un perché esistenziale, del motivo che ci vuole vivi e disancorati da una ragione superiore. «Avevamo studiato per l'aldilà/un fischio, un segno di riconoscimento./Mi provo a modularlo nella speranza/che tutti siamo già morti senza saperlo» dice Montale ma Luzi si fa più disperante nella sua speculazione continua di un 'raccordo' che dia un senso alla nostra presenza nel mondo: «Ma tu continua e perditi, vita mia,/per le rosse città dei cani afosi/convessi sopra i fiumi arsi dal vento.» e,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.