closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Cyberfrodi: non è sempre colpa dell’utente

Hacker’s dictionary. I comportamenti individuali possono fare la differenza sia col Covid che di fronte a un attacco informatico. Ma il ruolo di chi eroga un servizio nel contrastare frodi e furti digitali non va minimizzato

Una donna guarda lo schermo di un pc, sullo sfondo la mappa in tempo reale di un attacco cibernetico globale

Una donna guarda lo schermo di un pc, sullo sfondo la mappa in tempo reale di un attacco cibernetico globale

In conseguenza del «lockdown» gli italiani comprano di più online. Fin qui tutto bene. Gli acquisti elettronici spingono la digitalizzazione delle imprese e l’alfabetizzazione dei cittadini. Però. Secondo un sondaggio di Kruk, azienda europea di gestione del credito, la propensione agli acquisti digitali riguarda solo il 53,6% degli italiani. Tra gli intervistati il 46,4% predilige l’uso della carta di credito e sistemi digitali di pagamento come Google Pay, PayPal, Satispay (38%), il 36% preferisce la carte prepagate e il 19,6% le carte di debito, insomma, le carte bancomat. Il dato interessante è che il 6,3% degli intervistati afferma di prediligere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi