closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Cronache dolorose e splendenti da un monastero del 1600

SCAFFALE. «Morte precoce», un romanzo di Cesare Greppi per le edizioni Il Canneto

Apoteosi di San Tommaso d’Aquino di Francisco di Zurbarán (1631)

Apoteosi di San Tommaso d’Aquino di Francisco di Zurbarán (1631)

Il libro di Cesare Greppi, Morte precoce (prefazione di Silvia De Laude, Il Canneto editore, pp. 96, euro 12) è un ritratto in due tempi. Nel primo si racconta – ma, e vedremo perché, sarebbe più corretto scrivere si dipinge – la figura di un giovane seminarista di diciannove anni, Niccolò, che venerdì 11 febbraio, nei primi anni del 1600, dopo un’agonia di pochi giorni dovuta a un carbonchio, muore in un monastero dell’Italia settentrionale; nel secondo («Anamnesi: Paradisi»), Greppi lavora sui ricordi del giovane, rappresentandone vivamente i colori dell’anima, con una «ricercata traslucidità e trasparenza» (De Laude) di linguaggio,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi